Piccoli Prestiti Senza Busta Paga

Piccoli Prestiti Senza Busta Paga
I piccoli prestiti senza busta paga sono finanziamenti erogabili in piccoli importi, a patto che si esibisca la garanzia della proprietà di un immobile o la firma di un garante terzo.

I piccoli prestiti senza busta paga sono finanziamenti non finalizzati, pertanto rientrano nell’ampia categoria dei prestiti personali. Per questa ragione, non è dovuta alcuna motivazione, in sede di richiesta formale, dell’uso che si intende fare della somma eventualmente accreditata.
Questo tipo di finanziamento si caratterizza per gli importi di bassa entità, che mirano a soddisfare esigenze quotidiane e ordinarie della vita del debitore.

Le cifre vanno, in genere, non oltre i 5 mila euro e possono essere rimborsate di solito in 12 o 24 rate mensili.
Ciò che differenzia, tuttavia, questa categoria particolare di piccoli prestiti, rispetto a quella generale di riferimento, è il fatto che si possono ottenere anche senza busta paga.

Sappiamo quanto sia importante l’esibizione della busta paga, quando ci si presenta in banca o dinnanzi a una finanziaria, per richiedere un prestito. La busta paga, infatti, diventa una garanzia per l’istituto erogatore di credito, perché dimostra che il cliente ha un lavoro, quindi, un reddito con cui affrontare il rimborso futuro del prestito. Lo stesso dicasi per il pensionato o il lavoratore autonomo, che dovrà esibire il cedolino pensione o Cud o il modello unico, attestanti il godimento di una qualche forma di reddito.

Quando ciò non è possibile, poiché non si lavora, allora possono sorgere problemi. Il riferimento è a quelle categorie, come casalinghe o studenti o ancora disoccupati, i quali non avendo un lavoro, non possono presentare una garanzia di reddito.
I piccoli prestiti senza busta paga sono rivolti proprio a questi segmenti della clientela, ossia di quanti non avrebbero molte alternative di accesso al credito.

L’ottenimento del prestito senza busta paga passa attraverso altre garanzie. Anzitutto, si può ottenerlo se si è proprietari di un immobile, o se si cede l’immobile in locazione. In quest’ultimo caso, infatti, il reddito derivante dalla locazione dell’immobile di proprietà fungerebbe da garanzia.

Nel caso in cui non si possegga alcun immobile, l’unica altra via di accedere a un piccolo prestito senza busta paga sarebbe la firma di un congiunto (garante), il cui reddito sarebbe la garanzia in caso di mancato rimborso del debito, da parte del richiedente.