Piccoli Prestiti

Piccoli Prestiti
I piccoli prestiti sono finanziamenti non finalizzati di importo contenuto e che possono essere richiesti presso una banca o finanziaria, in tempi relativamente veloci e con poca documentazione.

I piccoli prestiti sono finanziamenti di piccola entità, che si possono richiedere e ottenere in banca o presso una società finanziaria. Di solito, si tratta di somme comprese tra i mille euro e i cinque mila euro, sebbene siano frequenti i casi in cui questi limiti siano di gran lunga superati.
Questo genere di finanziamenti in Italia sta riscontrando un interesse crescente delle famiglie, in quanto consente di soddisfare esigenze ordinarie del menage quotidiano, affrontando difficoltà di tutti i giorni.

Per ottenere un piccolo prestito non è necessario fornire motivazioni sull’uso che si intende fare delle somme richieste, in quanto questa è una tipologia di finanziamenti non finalizzati, ossia non legati all’acquisto di un bene o di un servizio, pertanto si configurano quali prestiti personali.
Anche le formalità burocratiche sono ridotte ai minimi termini; basta recarsi in banca o presso la finanziaria e presentare l’ultima busta paga e l’accredito può essere ottenuto generalmente entro una settimana, tramite l’invio della somma direttamente su conto corrente, o con assegno o ancora tramite il rilascio di una carta revolving.

Poiché si tratta di importi di bassa entità, i tassi incidono più pesantemente che nel caso di finanziamenti di somma più alta. Quindi, in questi casi, risulterà ben più alto il tasso TAEG, in quanto comprensivo dei costi fissi, che gravano su un finanziamento.

Il prestito sarà rimborsato tramite pagamenti mensili, comprensivi di interessi, che incidono sulla quota capitale maturata fino alla data del rimborso.
I piccoli prestiti sono, dunque, adatti all’acquisto di un elettrodomestico, di un’auto, per finanziare una vacanza, etc.

E’, infine, interessante notare come i dipendenti pubblici abbiano la possibilità di accedere a questo tipo di finanziamenti, erogati direttamente dall’Inpdap. Il requisito di base consiste nell’essere iscritti alla cassa previdenziale dell’istituto, godendo di un rapporto di lavoro continuativo. I piccoli prestiti Inpdap possono essere rimborsati in 12, 24 36 e 48 rate mensili.